Science Fiction Project - Free Culture
Urania - Asimov d'appendice
* * Back * *

UFFA CON QUESTI UFO - Isaac Asimov
Titolo originale: The rocketing dutchman

Ricevo spesso per posta libri, riviste e pubblicazioni varie che non ho richiesto e che non m'aspettavo di ricevere. In questi casi il mio primo impulso è quello di guardare l'indice, se c'è, e di sfogliare le pagine, se l'indice non c'è, per vedere se viene citato il mio nome. Queste citazioni sono spesso, ma non sempre, la ragione per cui mi viene spedito il materiale.
Ma quando il materiale in questione tratta di un soggetto su cui mi sono espresso in modo alquanto ironico, allora divento particolarmente sospettoso. Per esempio, molto tempo fa ho ricevuto un opuscolo intitolato «Congresso UFO - 1973». Dentro c'era un articolo di Stanton T. Friedman, signore che non conosco.
L'articolo comprendeva un paragrafo intitolato «La fantascienza verso l'ufologia». Cominciava così: «Molti si sorprendono quando affermo che due dei più noti scrittori di fantascienza, Isaac Asimov e Arthur Clarke, sono di opinione fortemente anti-UFO».
Il fatto che Friedman conosca gente che si «sorprende» per questo indica, secondo me. il livello dei circoli in cui Friedman spesso si dà da fare. In fondo, perché mai Arthur e io scrittori di fantascienza, dovremmo portare il pubblico a pensare che abbiamo rinunciato alla nostra intelligenza e che crediamo ciecamente a qualsiasi cosa che abbia in apparenza qualche elemento in comune con la fantascienza?
Friedman continua citandomi, e aggiunge commenti suoi destinati, così sembra, a tapparmi la bocca. A un certo punto riferisce queste mie parole: «La quantità di energia richiesta per un viaggio interstellare è di proporzioni tali da farmi ritenere inconcepibile che delle creature pilotino le loro astronavi attraverso le vaste profondità dello spazio unicamente per venirsi a divertire con noi per decenni. Se volessero mettersi in contatto con noi, lo farebbero. Se no, risparmierebbero la loro energia.»
A questo, Friedman ribatte, fra parentesi: «Quale ego è mai il nostro di terrestri! Meritiamo che altri si mettano in contatto con noi?)».
Friedman mi ha ovviamente citato senza avermi letto bene. Io ho scritto: «Se volessero mettersi in contatto». Sono prontissimo ad ammettere che forse non siamo degni che qualcuno si metta in contatto con noi, ma in questo caso «risparmierebbero la loro energia», e se ne andrebbero.
Immaginate l'ego dei vari Friedman convinti che forse non siamo degni di essere presi in considerazione ma che tuttavia siamo così affascinanti da richiamare i dischi volanti fino al nostro pianeta, tra tante migliaia che ne esistono, una volta ogni dieci anni circa, e da convincerli a girare intorno alla Terra per l'eternità, senza mai atterrare, nuovi Olandesi Volanti, condannati, inoltre, ad apparirci come piccioni in calore.
Friedman cita poi la mia dichiarazione conclusiva: «Continuo a dire che qualsiasi avvistamento riferito è frutto di un abbaglio o di un errore o di un trucco o di qualcosa che può essere spiegato senza ricorrere alle astronavi provenienti da stelle lontane».
Qui Friedman, ricorrendo a una giocosa familiarità, dice: «(E da quelle vicine, Isaac?)».
Ahimè, signor Friedman, dato che non mi voglio prendere una familiarità che in realtà non esiste mi limiterò a dire che anche le stelle vicine sono lontane.
Friedman continua invitandomi a scrivere un libro non di fantascienza sui dischi volanti sostenendo che «casi come quello di Betty e Barney Hill sono molto più entusiasmanti e interessanti di un qualsiasi romanzo di Asimov». Forse, signor Friedman, ma sono anche molto più fantasiosi.
Se non un libro, voglio scrivere un articolo sull'argomento. Dio sa quante volte ho precisato il mio punto di vista sui dischi volanti, però non l'ho mai fatto in un articolo di questa serie. Lasciatemelo quindi fare adesso sotto forma di domanda e risposta.

1) Perché insistete a chiamarli «dischi volanti»? Non è impreciso e ridicolo? Perché non li chiamate UFO, che è un termine più serio?
UFO sta per «unidentified flying object», «oggetto volante non identificato». Se parlo del problema con chi è d'accordo che queste manifestazioni, qualsiasi cosa siano, sono in effetti non identificate, e non insiste quindi nel volerle identificare, allora sono felice di parlare di UFO, e il più seriamente possibile. Tuttavia per coloro che insistono nel definirli astronavi pilotate da extraterrestri, quegli oggetti non sono più non identificati, e quindi non sono UFO. In questo caso, con loro, io parlo di dischi volanti, uso cioè il termine con cui i sostenitori dell'esistenza dei dischi volanti li definivano prima di decidere di dare loro una rispettabilità.

2) Negate che possano esistere nell'Universo altre forme di vita intelligente?
Mi guardo bene dal negarlo. Nel settembre del 1963 ho scritto un articolo in cui appoggiavo la teoria di Carl Sagan sulla possibilità che nell'Universo esistano altre civiltà.
Poi, in collaborazione con Stephen H. Dole, ho scritto un libro, «Planets for man» (Pianeti per l'uomo), che trattava l'argomento con maggiore ampiezza e da un punto di vista leggermente diverso, e dove avanzavo l'ipotesi che nell'Universo esistono numerosi pianeti in grado di ospitare una qualche forma di vita.
Lasciatemi riproporre in breve l'argomento.
Nessuno sa con esattezza quante siano le Galassie nell'Universo. Certamente molti miliardi. Cento miliardi è la cifra che uso di solito. Anche se vogliamo restare nella nostra sola galassia, la Via Lattea, abbiamo un sistema stellare che comprende 135 miliardi di stelle.
Le moderne teorie sostengono che con la nascita di una stella si ha invariabilmente la formazione di un sistema planetario, quindi possiamo dire che la nostra Galassia contiene 135.000.000.000 di sistemi platenari, ciascuno con forse una dozzina di pianeti e una mezza dozzina di grandi satelliti.
Tra questi, circa tre miliardi di corpi celesti sono inabitabili, alcuni perché troppo lontani dal loro sole, per essere simili alla Terra, e altri perché troppo vicini. Alcuni possono avere rotazioni troppo lente, oppure orbite troppo eccentriche, per permettere condizioni atmosferiche tollerabili. Alcuni possono ruotare intorno a stelle troppo fredde per fornire l'energia necessaria alla vita, oppure troppo calde, e quindi troppo giovani perché la vita abbia avuto il tempo necessario a evolversi. Alcuni possono ruotare intorno a stelle che fanno parte di sistemi multipli, o stelle che pulsano, o stelle che, per altri motivi, rendono la zona circostante inadatta.
Tenendo conto di tutto questo, e facendo accurati calcoli alla luce delle conoscenze astronomiche più recenti, Dole concluse che nella nostra Galassia potevano esserci circa 640.000.000 di pianeti simili alla Terra. Pianeti con massa, temperatura e composizione chimica quasi identiche a quella della Terra, e con un'orbita e un Sole anch'essi molto simili a quelli della Terra.
Questo non è un calcolo per eccesso, perché sta a indicare che solo un corpo planetario su 4.000 è adatto, e che solo una stella su circa 210 ha un pianeta di tipo Terra.
Comunque è forse troppo ampio se teniamo in considerazione le scoperte astronomiche degli ultimi decenni. Dato che circa il 90 per cento delle stelle della Galassia si trovano nel nucleo Galattico, se consideriamo una distribuzione uniforme dobbiamo concludere che circa il 90 per cento dei pianeti simili alla Terra si deve trovare in quel punto.
Comunque, può darsi che i nuclei delle galassie siano teatro di violente attività, emissione di onde e raggi, esplosioni, formazione di zone di assorbimento, cosiddetti buchi neri, ecc., e può darsi che solo nelle estremità a spirale delle galassie (dove siamo noi) esistano condizioni adatte per pianeti che siano veramente di tipo Terra. In questo caso possiamo calcolare che nella nostra Galassia esistono 64.000.000 pianeti simili alla Terra. Comunque, considerato che la possibilità di esistenza di dischi volanti è legata a quella di pianeti di tipo Terra, conserviamo pure la cifra più alta: cioè 640.000.000.
Secondo le recenti teorie sulle origini della vita, un qualsiasi pianeta che abbia condizioni simili a quelle della Terra dà inevitabilmente origine alla vita. Possiamo quindi dire che nella nostra Galassia ci sono 640.000.000 di pianeti sui quali esiste la vita. E per di più una forma di vita simile a quella che conosciamo noi.
Adesso arriva il punto in cui l'indagine diventa difficile. Su quanti di questi pianeti con una vita si è sviluppata una specie intelligente? E su quanti la specie intelligente ha sviluppato una civiltà?
Come punto di partenza possiamo usare soltanto la Terra, un pianeta la cui vita conosciamo appieno. Sulla Terra la vita esiste da circa 3.000.000.000 di anni, e la civiltà esiste, al massimo, da 10.000 anni. Questo significa che la Terra non civilizzata supera la Terra civilizzata per 300.000 a 1.
Se prendiamo la Terra come termine di paragone e come regola generale, e se supponiamo che la vita sia cominciata in periodi diversi e in posti diversi, possiamo ipotizzare che la civiltà esiste su un pianeta ogni 300.000 corpi celesti su cui la vita è possibile. Se è così, nella nostra Galassia abbiamo circa 2.150 civiltà.
In quanto a civiltà «industriale», noi terrestri l'abbiamo soltanto da duecento anni sui diecimila di civiltà. In altre parole, la nostra civiltà non industriale supera la nostra tecnologia industriale di 50 a 1.
Se, sempre usando la Terra come termine di paragone, calcoliamo che nella nostra Galassia 1 Civiltà su 50 ha raggiunto lo stadio industriale, ne deriva che nella Galassia stessa esistono qualcosa come 43 civiltà industriali.
Se ipotizziamo inoltre che questa nostra tecnologia industriale sia media, come in effetti può darsi che sia, metà di queste 43 civiltà industriali, diciamo 21, sono molto più avanzate della nostra e sono in grado di compiere, forse, viaggi spaziali.
Questo solo nella nostra Galassia. Se questo tipo di ragionamento regge per tutte le galassie, allora esistono, forse, oltre due miliardi di civiltà avanzate sparse nell'Universo. A questo punto immagino che anche il più fanatico sostenitore dei dischi volanti convenga nell'escludere le altre galassie e sia disposto ad ammettere che il punto di partenza dei nostri visitatori sia dentro i confini della Via Lattea. Questo lascia comunque 21 probabili civiltà a vagare per le vastità dello spazio,- e sono certamente sufficienti a dare credito all'esistenza dei dischi volanti, se i dischi volanti sono navi spaziali.

3) Allora perché siete così scettico sulla possibilità che navi spaziali guidate da intelligenze extra-terrestri vengano a visitare la Terra?
Anzitutto è la distanza che mi lascia perplesso. Immaginiamo che tutti i 640.000.000 di pianeti con una forma di vita siano distribuiti a caso per la Galassia. Questi verrebbero a trovarsi, in media, a 45 anni-luce uno dall'altro. I 21 pianeti con civiltà industriali avanzate sarebbero, in media, a 13.500 anni-luce di distanza uno dall'altro.
Con il più vicino pianeta base dei dischi volanti a 13.500 anni-luce di lontananza, la possibilità che questi ci vengano a visitare mi sembra estremamente esigua.
Dato che la velocità della luce è la velocità limite a cui un'astronave può viaggiare nello spazio, diciamo che anche la più vicina civiltà avanzata, impiegherebbe 13.500 anni e, probabilmente anche dieci volte di più per arrivare da noi. Mi sembra dubbio, date le circostanze, che astronavi su astronavi vengano a ronzarci attorno, anno su anno, come api intorno a un fiore. Noi non siamo, secondo me, né tanto interessanti né tanto importanti.

4) Ma se noi fossimo in un punto particolarmente favorevole rispetto alla distanza che ci separa dalla più vicina civiltà avanzata? E perché siete così sicuro che la velocità della luce sia il limite estremo?
Non voglio essere categorico su questi punti. Alcune civiltà avanzate possono essere vicine, e altre spaventosamente isolate. Può darsi che la Terra si trovi a soli 100 anni-luce da una civiltà molto avanzata. Questo è altamente improbabile, ma siccome non esiste prova del contrario, può anche essere.
Inoltre, anche se i centri di civiltà sono tutti lontani, molto lontani, ciascuno di essi può essere il nucleo di un crescente Impero Galattico, e possono esistere avamposti di qualcuno di questi Imperi su qualcuna delle stelle più vicine. Non ci sono prove nemmeno di questo, ma può essere.
E ancora, qualche civiltà avanzata può avere imparato come superare la velocità della luce senza violare le leggi della relatività. Forse hanno imparato a sfruttare l'iperspazio, o la propulsione ionica, o qualcosa che noi, allo stato elementare della nostra tecnologia, non sappiamo nemmeno esprimere in parole, e di cui non abbiamo nemmeno il concetto. Questo, per la verità, non sembra molto probabile, ma può essere.
Forse, infine, la distanza non è importante per le civiltà avanzate. Forse possono superare 100 anni-luce, o anche 13.500 anni-luce senza maggiori difficoltà di quelle che incontriamo noi a trasvolare l'Atlantico.

5) Ma se così stanno le cose, quali obiezioni fate al concetto dei dischi volanti? Perché mai le astronavi non potrebbero esplorare liberamente la Terra?
Accantoniamo pure la questione della distanza, ma resta un altro motivo. Se questi Olandesi Volanti a bordo di astronavi ronzano intorno alla Terra deliberatamente e per qualche motivo razionale, si deve dedurre che la Terra li interessa. Ma cosa li può interessare, della Terra?
È naturale (e forse egoistico) presumere che per un qualsiasi non-terrestre le cose più interessanti della Terra sono l'uomo e la sua civiltà. Ma se i dischi volanti ci vengono a osservare, perché mai quelli che sono a bordo non scendono per incontrarci? Dovrebbero essere abbastanza intelligenti da scoprire chi sono i nostri portavoce, e dove sono i centri popolati, e come fare per mettersi in contatto con i nostri governi.
E non è concepibile che abbiano paura di noi. Se possiedono una tecnologia tale da permettere loro di compiere senza difficoltà viaggi di anni-luce, allora possono anche proteggersi facilmente da qualsiasi arma che noi potremmo usare contro di loro. Il comandante di una moderna nave da guerra avrebbe paura di mandare una pattuglia in esplorazione su un'isola abitata da scimmie?
Se c'è qualcosa della nostra atmosfera, o della superficie del nostro pianeta, che per loro presenta rischi o anche solo disagi, sono certo abbastanza intelligenti da comunicare con noi per mezzo di qualche tipo di trasmissione a distanza come la radio, per esempio. Se non con parole e un linguaggio almeno con segnali basati sulla logica.
D'altra parte, se s'interessano a noi ma non vogliono mettersi in contatto con noi, se non vogliono interferire in nessun modo con una civiltà in sviluppo, sono sicuramente intelligenti e progrediti abbastanza da poterci studiare in ogni dettaglio senza ci noi ci si accorga di loro. Facendosi scorgere, interferiscono.
E se non è l'uomo che li interessa, cosa può essere? No, loro dovrebbero scendere a incontrarci, o starsene alla larga. Se non fanno né una cosa né l'altra, le astronavi non sono guidate da esseri intelligenti.

6) Ma come potete essere così sicuro di capire i loro motivi? Forse a loro non interessa comunicare con noi, però d'altro canto non gli importa niente se noi li vediamo.
Se continuate ad accumulare le condizioni di cui avete bisogno per dimostrare la vostra tesi, arriverete in fretta a non convincere affatto.
Per eliminare l'obiezione sulla distanza, dovete presumere che ci sia almeno una civiltà improbabilmente vicina a noi, e presumere che sappiano viaggiare più veloci della luce. Per eliminare le contraddizioni del loro comportamento, dovete presumere che trovino la Terra abbastanza interessante da infastidirla a ripetizione, ma i terrestri di così scarso interesse da non suscitare nemmeno la curiosità di parlare con noi, mentre, d'altro canto, a loro non importerebbe niente se noi li vediamo.
Più supposizioni di questo genere fate più s'indebolisce la vostra tesi.
Inoltre, nessuna delle supposizioni che fate ha un sostegno qualsiasi. L'unica loro funzione è di spiegazione ai dischi volanti. Uno può usare i dischi volanti stessi per argomentare che le supposizioni devono essere esatte. Questo è un ragionare in tondo, uno dei maggiori piaceri di chi è debole d'intelligenza.

7) Un momento, esistono prove concrete che i dischi volanti sono astronavi. Esistono numerosi rapporti di gente che le ha viste e ha visto i loro equipaggi extraterrestri. Alcuni affermano persino di essere saliti a bordo degli scafi. Avete controllato questi rapporti? Se no, li considerate forse privi di ogni valore? Come lo giustificate questo atteggiamento?
No, non ho indagato su quei rapporti. Su nessuno.
La mia giustificazione per averli ignorati è che le testimonianze oculari di poche persone non convalidate da qualsiasi altro tipo di prova sono effettivamente prive di valore. Ogni credo, di qualsiasi natura, è convalidato da numerosi casi di testimonianze oculari.
Esistono testimoni oculari (come sostengono i fanatici) per l'esistenza di angeli, fantasmi, spiriti, licantropi, fate, serpenti marini, l'abominevole uomo delle nevi, fenomeni di levitazione, preveggenza, telepatia, e così via.
Io non intendo impantanarmi nella convinzione dell'esistenza di tutte queste cose soltanto in base alle affermazioni dei testimoni oculari, quindi non intendo nemmeno credere ai dischi-volanti-astronavi basandomi su quello che dicono i testimoni oculari. Voglio qualcosa di meno facile a distorsione e meno soggetto a inganno deliberato che non le affermazioni di testimoni.
Voglio qualcosa di sostanziale e solido, elementi che possono essere studiati. Voglio una lega che non sia un manufatto terrestre. Voglio un apparecchio che funzioni su principi diversi da quelli che conosciamo. Meglio ancora, voglio uno scafo e il suo equipaggio in piena vista, che si rivelino a esseri umani competenti per essere studiati. Le rivelazioni fatte a contadini in aperta campagna e ad automobilisti che percorrono autostrade deserte non mi interessano. Né mi impressionano le descrizioni degli scafi e del loro interno, descrizioni che sono esattamente come ci si può aspettare da chi non ha cognizioni scientifiche e ha visto qualche film di fantascienza altrettanto disinformato.

8) Quale conclusione traete dai rapporti sui dischi volanti se scartate che siano astronavi?
Una nota massima di Holmes dice: «Dopo aver eliminato tutto ciò che è impossibile, quello che rimane, per quanto improbabile, deve essere vero». È una grande impostura, perché presuppone che dopo l'eliminazione dell'impossibile, rimane un unico dato. Ma come si può affermarlo?
Questa concezione errata si ispira alla matematica. In matematica noi possiamo organizzare le definizioni e gli assiomi che ci si presentano con un numero limitato di fattori e nient'altro, dove ciascuno di questi fattori corrisponde a un numero. In questo caso, se eliminiamo tutti i numeri meno uno, quello restante deve essere esatto (ammesso che non si possa dimostrare che nessuno è esatto).
Questo procedimento non è applicabile alle scienze sperimentali, dove il numero totale dei fattori può essere infinito, e dove è possibile che non tutti siano conosciuti.
Se i dischi volanti sono astronavi, lo si deve dimostrare con prove evidenti. Non lo si può provare belando: «Cos'altro possono essere?».

9) Secondo voi, allora, che cosa sono i dischi volanti?
La mia opinione è che quasi tutti gli avvistamenti siano, o un abbaglio, o una falsità. Molti sono così vaghi e incompleti da non permettere di decidere che cosa esattamente sia stato visto.
Mi è stato detto che esistono rapporti (pochissimi) di cui non si può dire che siano dovuti ad abbaglio o a mala fede, che sono stati controllati da osservatori degni di fede, e che non possono essere spiegati in nessun modo normale.

10) Fermiamoci allora a questi casi senza risposta. Se non si trattava di astronavi, cosa potevano essere?
Non lo so. E non sono tenuto a saperlo. L'Universo è pieno di misteri a cui non so dare una risposta. Sfidarmi a farlo e avere da me una risposta sbagliata non prova niente.
Voi, forse, non sapete il nome del quindicesimo presidente degli Stati Uniti. Se io dico che si chiamava Jerome Jameson, il fatto che voi non possiate obiettare non prova che io ho detto la verità.
Ma prendiamo adesso in considerazione Joseph Alien Hynek, un rispettabile astronomo americano che conosco personalmente e che, posso testimoniarlo, è un uomo serio e intelligente che ha fatto diverse scoperte scientifiche.
Hynek non è così pronto a scartare i rapporti sui dischi volanti come fa la maggior parte degli astronomi (e come faccio anch'io). Lui preferisce esaminarli attentamente, e lo fa di persona. Non è facile. Questi rapporti sono così pieni di menzogne, e tra i fanatici dei dischi volanti ci sono talmente tanti pazzi e visionari, che Hynek corre costantemente il rischio di giocarsi la reputazione venendo confuso con loro. Tuttavia il suo interesse in questi strani rapporti, e la sua convinzione che siano importanti, sono sufficienti a fargli correre il rischio, e per questo io lo stimo e rispetto.
Hynek non crede che i rapporti siano legati all'esistenza di astronavi extraterrestri. Non ha trovato ancora una spiegazione logica. Ma per lui l'argomento in discussione sono gli UFO, gli oggetti volanti non identificati.
Hynek afferma che ci troviamo di fronte a qualcosa che non può essere spiegato con la scienza convenzionale. Qualcosa, quindi, che non deve essere ridicolizzato né scartato, ma che bisogna studiare attentamente e con cura.
Secondo lui i fenomeni che non possono essere spiegati rappresentano qualcosa di talmente nuovo che, se risolti, portano a un enorme balzo in avanti.
È già successo. Il mistero dei risultati negativi nell'esperimento Michelson-Morley ha portato alla relatività. I paradossi delle radiazioni assorbite dai corpi neri hanno portato alla teoria dei quanta. Quindi può darsi che il mistero degli UFO porti... a che cosa?
È un'idea affascinante. Hynek riesce quasi a convincermi.

11) Hynek ha qualche teoria a questo riguardo? A cosa pensa che porterà la scienza?
Per quello che ne so. naviga ancora nel buio completo. Ha speso parecchio tempo a controllare i rapporti, a classificarli, e a cercare i dati che alcuni rapporti hanno in comune, e quando è arrivato alla fine si è trovato con un enigma insolubile.

12) Perché è così difficile trovare una risposta a questo problema?
La scalata scientifica agli enigmi dell'Universo funziona quando il sistema sottoposto a studio è costantemente a portata di mano, sia per le osservazioni sia per gli esperimenti. Il pianeta Marte è a disposizione per gli studi telescopici. Il cuore di una tartaruga è a disposizione per gli esperimenti.
La scalata scientifica funziona anche se è possibile predisporre esperimenti che diano risposte genericamente comprensibili. Per esempio, se non si capisce in base a quale fenomeno le sfere cadono in un certo modo, si può far cadere un certo numero di sfere in condizioni controllabili e studiare i risultati.
Prendiamo in considerazione quel numero relativamente esiguo di rapporti sugli UFO che costituiscono un vero enigma e non sono inganni o frutto di fantasia. Questi fenomeni UFO appaiono senza preannuncio, inaspettatamente, e con grande irregolarità di luogo e di tempo. Non c'è modo di predisporre trappole, né tanto meno di allestire un sistema di avvistamento mondiale, che sarebbe spaventosamente dispendioso.
Quando un fenomeno UFO avviene può darsi che non ci siano testimoni, o può capitare la testimonianza solo parziale di un unico individuo, o di pochi individui, che vengono colti di sorpresa e che non hanno la possibilità di fare accurate osservazioni, e non possiedono strumenti adatti per farle oltre ai loro occhi. Si finisce con l'avere il racconto frammentario su qualcosa di intravisto appena.
Inoltre, ogni volta che viene fatto un rapporto del genere, i giornali se ne occupano immediatamente, con il risultato che tutto finisce sommerso da una pioggia di rapporti simili fatti da gente in buona fede ma ingenua, da altri a caccia di pubblicità, e da visionari.
In queste condizioni non sorprende che Hynek non riesca a trovare facilmente una soluzione.
Ora un'ultima cosa. Temo che la convinzione di Hynek che la soluzione del problema possa portare la scienza a compiere un grosso balzo in avanti sia solo una speranza. Non lo critico per il suo entusiasmo. Io stesso sono spesso travolto dagli entusiasmi, ma l'entusiasmo deve essere riconosciuto per quello che è e non venire scambiato per certezza.
Personalmente, sospetto (ed è solo un sospetto) che se ogni misterioso rapporto sugli UFO venisse studiato accuratamente, a mano a mano che si scoprissero maggiori elementi diventerebbe sempre meno misterioso. Credo che se tutti i rapporti sugli UFO diventassero comprensibili appieno, si scoprirebbe che ogni volta si trattava di qualcosa collegato con le presenti strutture della scienza, o che, al massimo, erano fenomeni legati a un'interessante ma non molto importante miglioramento o estensione di queste strutture. Personalmente sono convinto che la soluzione del problema UFO recherebbe alla scienza un apporto scarso o addirittura nullo.
Se io sbagliassi e avesse ragione Hynek ne sarei felice, perché lo ammiro, e mi piacerebbe vedere la scienza progredire, ma non posso costringermi ad accettare qualcosa solo perché accettarla mi farebbe piacere. Io accetto esclusivamente quello che per me ha un senso.

FINE