Science Fiction Project - Free Culture
Urania - Asimov d'appendice
* * Back * *

PER UNA PARTICELLA IN PIÙ - Isaac Asimov
Titolo originale: As easy as two plus three

Anni fa ero solito dire di me, con tutta la modestia che riuscivo a trovare, e non sono mai riuscito a trovarne molta, che ero una «celebrità minore». Con questo intendevo che forse una persona su mille mi considerava un uomo grande e famoso, e che le altre novecento e novantanove non avevano mai sentito parlare di me.
Ed era una giusta proporzione. Comunque ho sempre fatto in modo da incontrare questo uno su mille molto più spesso di quanto il semplice caso avrebbe voluto (andando ai convegni sulla fantascienza, per esempio), e mi sono goduto il calore delle adulazioni di questo lui (o, preferibilmente per me, di questa lei). A parte questo, riesco a conservare l'anonimato e a difendere la mia vita privata grazie agli altri novecento e novantanove. Significa che non mi devo preoccupare se sono spettinato come in effetti è di solito. So che nessuno darà una gomitata al vicino per dire: «Guarda quell'uomo grande e famoso che va in giro così tutto spettinato».
Ma adesso la faccenda delle celebrità minori mi è sfuggita, di mano. Tempo fa, non vi dirò quando, ho ricevuto per posta la rivista «Family Weekly» e lì, nella colonna intitolata «Cosa succede nel mondo!», erano riportati, tra l'altro, i nomi delle persone note che compivano gli anni.
Risultava che Sandy Koufax e che Bert Parks compivano rispettivamente 38 e 59 anni il 3 dicembre, domenica, e che Barry Goldwater ne compiva 65, Xaviet Cugat 74, e Dana Andrews 62 l'1 gennaio, martedì. Poi, con sorpresa mista a orrore, trovai segnato al mercoledì 2 gennaio il nome di un vostro e mio amico: Isaac Asimov. E peggio, era segnata la mia età. Peggio ancora, era riportata esatta. Inevitabilmente ho ricevuto una valanga di lettere di persone che mi facevano gli auguri per il mio xxxxx-xxxx compleanno.
Con cose del genere che appaiono sulla stampa, come posso essere convincente quando dico alle belle signore che frequentano i congressi di fantascienza che ho passato da poco la trentina?
È un sollievo, quindi, tornare ad argomenti meno seri, come quello della scarsità dell'energia, grave minaccia per la civiltà.
Proviamo a supporre che il petrolio stia per finire e a prevedere che i pozzi petroliferi risulteranno tutti prosciugati entro la fine del secolo.
Si può tornare al carbone, di cui nella terra c'è ancora una riserva per parecchi secoli. Ma estrarre il carbone a un ritmo sempre crescente comporterebbe gravi danneggiamenti all'ambiente, inoltre per il lavoro pericoloso e sgradito di scavare carbone sarebbe necessario l'impiego di una infinità d'uomini. Senza contare il trasporto di quantità di carbone senza precedenti su reti ferroviarie lasciate andare in rovina dalla nostra trascuratezza, a meno di non studiare imponenti e costosi sistemi per trasformare sul posto il carbone in carburante liquido o gassoso. Sarebbe più o meno come tentare di spremere olio dalla creta.
E il carbone sarebbe un sostituto temporaneo, nell'attesa che la scienza e la tecnologia studino come sfruttare fonti d'energia quali il vento, le maree, le acque correnti, il calore geotermico, e la luce solare.
Secondo me, però, la migliore e più adattabile fonte di energia del futuro è quella nucleare.
Possediamo già una fonte d'energia nucleare funzionante. Da circa venticinque anni l'uomo frantuma nuclei di uranio («fissione nucleare») e ha ottenuto, come risultato, un'energia utile. Oggi, un «reattore generatore» in grado di produrre più carburante da fissione di quanto ne consumi, funziona già nell'Unione Sovietica.
Altre nazioni, inclusi gli Stati Uniti, hanno in programma reattori-generatori, e con queste apparecchiature l'intera riserva terrestre dei due metalli pesanti, uranio e torio, può essere usata come fonte di energia.
L'energia ottenuta per fissione grazie ai reattori-generatori può bastare per 100.000 anni.
Detto così sembra un bene. Tanto materiale a portata di mano... ma c'è un impedimento. Anche se la fissione nucleare non provoca il tipo di inquinamento atmosferico provocato dal carbone e dalla benzina, i frammenti degli atomi pesanti sottoposti a fissione sono radioattivi.
Questa radioattività è molto più pericolosa dell'inquinamento provocato da un'identica quantità di normali prodotti chimici, e non si deve permettere che penetri il nostro ambiente di vita quindi i residuati devono essere tenuti lontani da noi fino a che la radioattività non sia scomparsa, cosa che può avvenire dopo secoli. Qualsiasi affidamento sull'energia derivata dalla fissione nucleare è legata perciò a un sistema sicuro e costante di distruzione dei materiali pericolosamente radioattivi derivati appunto dalla fissione e che si accumuleranno in quantità via via maggiori.
Tra l'altro, esiste sempre la possibilità che la reazione possa sfuggire al controllo, esplodere, e spandere la radioattività su un'ampia regione. Fino a questo momento incidenti veramente gravi non si sono verificati, però è impossibile garantire che non ne succederanno mai. Da qui l'ostilità di parte del mondo all'ulteriore sviluppo dell'energia da fissione nucleare.
E allora? Energia da fusione. È il nucleo atomico di media dimensione che possiede l'energia minima. Spaccare i grandi nuclei e renderli quasi di media grandezza (fissione) è un modo di ottenere energia. Un altro è quello di partire dall'estremità opposta dall'elenco degli atomi e combinare nuclei piccolissimi fino a portarli alle dimensioni dei nuclei di media grandezza.
Il processo di forzare i piccoli nuclei atomici per fonderli in altri più grandi si chiama «fusione nucleare». In natura l'esempio meglio conosciuto di questo processo è quello che riguarda i nuclei degli atomi di idrogeno (i più piccoli, secondo le nostre conoscenze) costretti alla fusione nel centro delle stelle dove producono nuclei di atomi di elio (secondi nella scala dopo quelli di idrogeno) e producono inoltre la grande quantità di energia che le stelle, compreso il nostro Sole, emanano nello spazio.
La fusione nucleare offre una quantità di energia anche più grande di quella della fissione nucleare. Un chilogrammo di idrogeno che subisca la fusione trasformandosi in elio produce un'energia superiore almeno quattro volte a quella di un chilo di uranio sottoposto a fissione. Inoltre, l'idrogeno è una sostanza molto più comune dell'uranio, quindi il totale di energia da fusione potenzialmente reperibile è di gran lunga superiore al totale di energia da fissione.
In tutto l'Universo l'idrogeno è la sostanza più comune. I nove decimi di tutti gli atomi dell'Universo, l'hanno calcolato gli astronomi, sono di idrogeno. Non sorprende quindi che sia la fusione di idrogeno a dare energia alle stelle. Infatti è l'unica che possa farlo. Nessun altro elemento esiste in quantità tale da servire come carburante su così ampia scala. Nel nostro Sole subiscono la fusione 600 milioni di tonnellate di idrogeno al secondo. È l'idrogeno che ha garantito la grande produzione di energia al sole in ogni attimo della sua esistenza di stella nei passati cinque miliardi e più d'anni. Inoltre, il Sole è così grande e il suo contenuto di idrogeno così abbondante da bastare per mantenerlo acceso altri miliardi di anni.
La fusione dell'idrogeno è molto più difficile da ottenere di quanto non lo sia la fissione dell'uranio. Per il nucleo dell'uranio basta un neutrone leggermente energetico, e il gioco è fatto. I nuclei dell'idrogeno, per fondersi, devono urtare l'uno contro l'altro con forza enorme. Vale a dire che l'idrogeno deve essere scaldato a temperature enormi. Per di più, anche nelle vicinanze devono esistere grandi quantità di nuclei di idrogeno, perché ci sia la certezza che si colpiscono l'un l'altro mentre ruotano. Vale a dire che l'idrogeno deve anche essere presente a densità enorme.
Le due condizioni indispensabili, alta temperatura e alta densità, sono molto difficili da ottenersi contemporaneamente. Come la temperatura sale, l'idrogeno tende a espandersi, e così la sua densità diminuisce immensamente. Molto prima che la temperatura abbia raggiunto il livello necessario per avere una qualche speranza di fusione calcolata alla densità originale, l'idrogeno (in condizioni normali) si è talmente rarefatto che non ci sono più possibilità di fusione a qualsiasi temperatura.
Significa che l'idrogeno, mentre viene scaldato deve essere, per così dire, imprigionato entro un certo spazio. Il sistema migliore è quello di usare un campo gravitazionale di enorme forza. È esattamente quanto succede sul Sole. Il Sole possiede una potente gravità compressa nel suo centro, dove l'idrogeno è centinaia di volte più denso di quanto non lo sia sulla Terra, e questa gravità mantiene l'idrogeno denso anche se la temperatura al centro del Sole raggiunge i 15.000.000 di gradi.
Non è possibile duplicare sulla Terra questo tipo di imprigionamento o «confinamento gravitazionale». Una forza gravitazionale pari a quella solare non può assolutamente venire creata in laboratorio.
Inoltre è impossibile lavorare con l'idrogeno alle densità simili a quelle che esistono al centro del Sole. Bisogna lavorare con idrogeno a densità molto inferiori, e compensare questa carenza raggiungendo temperature anche più alte di quelle esistenti al centro del Sole. Ma così, mentre tentiamo di raggiungere queste temperature, niente impedisce all'idrogeno di espandersi rarefacendosi e di conseguenza diventando inutile.
Esiste qualche modo per scaldare l'idrogeno tanto rapidamente da portare gli atomi alla temperatura necessaria per la fusione prima che abbiano avuto il tempo di espandersi? Per il principio dell'inerzia, il tempo necessario all'idrogeno per espandersi è superiore a zero, quindi il processo per cui gli atomi restano dove sono per il semplice fatto che non hanno avuto il tempo di espandersi viene chiamato «confinamento inerziale.»
Negli anni cinquanta, l'unico modo di produrre calore tanto rapidamente da portare l'idrogeno alla temperatura necessaria per l'accensione, prima che si potesse espandere, fu quello di usare una bomba a fissione d'uranio. Fatto questo, la fissione d'accensione scatenò la reazione di fusione dell'idrogeno, e provocò un'esplosione di proporzioni molto più vaste. Il risultato è la cosiddetta «bomba all'idrogeno» o «bomba H», che è anche chiamata, in maniera più appropriata, «bomba a fusione».
La prima bomba a fusione fu fatta esplodere nel 1952, ma per quanto dimostrasse che sulla Terra era possibile la fusione nucleare, la dimostrazione fu quella di una fusione incontrollata, e invece quello che ci serve per scopi pacifici è una fusione controllata.
Possiamo trovare un sistema per confinare l'idrogeno mentre lo si scalda lentamente, un sistema di confinamento diverso da quello gravitazionale, un sistema che si possa attuare in laboratorio? Oppure, possiamo sfruttare il confinamento inerziale scaldando l'idrogeno rapidissimamente con mezzi diversi da quello della bomba H?
Il confinamento gravitazionale può essere sostituito dal confinamento magnetico. Un campo magnetico è smisuratamente più forte di quello gravitazionale e può essere facilmente usato in laboratorio. Lo svantaggio è che mentre il campo gravitazionale agisce su tutta la materia, il campo magnetico agisce soltanto sulla materia caricata elettricamente, ma questo è un problema facilmente risolvibile. Molto prima che si raggiunga la temperatura di fusione, tutti gli atomi neutri vengono spaccati in frammenti caricati di elettricità («plasma»).
Le particelle di plasma caricate elettricamente sono influenzate dal campo magnetico. Un campo di specie e forma adatta causa il movimento delle particelle di plasma in una certa direzione che le mantiene entro i confini del campo. Le particelle di plasma restano quindi confinate entro la forma incorporea del campo. (Naturalmente nessun oggetto materiale può confinare il plasma super-caldo perché, nel contatto plasma-materia, o il plasma si raffredderebbe, o la materia si vaporizzerebbe.)
La difficoltà con il campo magnetico è questa: i campi magnetici creati per confinare il plasma sono instabili. Dopo una frazione di secondo possono avere una perdita o cambiare la forma, e in entrambi i casi indebolirsi al punto che il plasma si espande e scompare.
Per un quarto di secolo gli scienziati nucleari, sia negli Stati Uniti sia nell'Unione Sovietica, hanno cercato di trovare un sistema per creare un campo magnetico di una forma che rimanga stabile il tempo sufficiente da permettere al campione di plasma sufficientemente denso per la fusione di diventare sufficientemente caldo per questa fusione.
Supponiamo, per esempio, che la corrente elettrica venga fatta passare attraverso il plasma contenuto in un cilindro di vetro. In questo caso la corrente forma un campo magnetico che si dispone intorno al plasma come una serie di circoli. Questi circoli tendono a produrre un «effetto premente» che spinge il plasma verso l'interno per evitare un qualsiasi contatto fatale con il vetro. Dentro il campo magnetico il plasma può venire scaldato, ma se il campo si alterasse, o cedesse, il plasma uscirebbe, toccherebbe il vetro, si raffredderebbe all'istante, e si dovrebbe ricominciare da capo.
Naturalmente non vorremmo che il plasma sfuggisse dalle estremità del cilindro. Un modo per evitarlo è quello di costruire campi magnetici particolarmente forti alle due estremità, campi che respingerebbero le particelle che li raggiungessero e le rimanderebbero indietro. Questo dispositivo è detto «specchio magnetico».
Un altro sistema sperimentato è quello di introdurre il plasma in contenitori a forma di ciambella così che il plasma continui a girare e girare e non ci siano estremità che permettano la fuga. Sfortunatamente un campo magnetico designato a rinchiudere il plasma a forma di ciambella di plasma sarebbe particolarmente instabile e non durerebbe più di una frazione di secondo.
Per aumentarne la stabilità il contenitore a ciambella venne in un primo momento piegato a forma di otto. Questo rese possibile la produzione di un campo magnetico più stabile. Lo strumento venne chiamato «stellarator», termine di origine latina. Si sperava di duplicare, al suo interno, la fusione-reazione che avviene nelle stelle. Poi si scoprì che in fondo era preferibile la normale ciambella. Bastava formare due campi magnetici, disponendo il secondo in modo che stabilizzasse il primo. I fisici sovietici modificarono il modo di stabilire il secondo campo, e ne migliorarono la sua efficienza con un apparecchio che chiamarono «Tokamak», abbreviazione di una complicata frase russa. Dopo che i sovietici annunciarono nel 1968 i primi successi con il Tokamak, i fisici americani modificarono prontamente alcuni stellarator incorporandovi il principio del Tokamak.
Sembrò che il Tokamak fosse sufficiente a ottenere la fusione, se non si chiedeva troppo. Vediamo come si può arrivare a questo minimo.
È l'idrogeno che i fisici cercano di fondere, ma esistono tre varietà di atomi di idrogeno. Uno ha, come il suo nucleo, un singolo protone e nient'altro, ed è l'idrogeno 1. Un altro ha un nucleo di due particelle, un protone e un neutrone, così è l'idrogeno 2 o deuterio. Il terzo ha un nucleo di tre particelle, un protone e due neutroni, così è l'idrogeno 3, o tritio.
Tutte e tre le varietà di idrogeno si fondono in atomi di elio. Tuttavia l'idrogeno 2 si fonde più facilmente e a temperatura minore dell'idrogeno 1, mentre l'idrogeno 3 si fonde ancora più facilmente e a temperatura ancora inferiore.
Allora, perché non lasciar perdere l'idrogeno normale, passare subito all'idrogeno 3, e usare questo per ottenere il nostro carburante da fusione? Sfortunatamente c'è un guaio.
L'idrogeno 3 è una sostanza instabile. È radioattivo e si dissolve con tale rapidità che è difficile trovarne sulla Terra. Se vogliamo usare l'idrogeno 3, con i suoi 12 anni di mezza vita, dobbiamo formarlo con reazioni nucleari che consumano energia. Potremmo ottenerlo, per esempio, bombardando il leggerissimo litio con neutroni provenienti da reattore a fissione. Significherebbe usare carburante costoso, difficile da produrre, e difficile da controllare.
E l'idrogeno 2? Questo è un atomo stabile, e ne esiste sulla Terra in quantità considerevole. Per la verità, un solo atomo di idrogeno su 7.000 è idrogeno 2, tutto il resto è idrogeno 1, tuttavia c'è tanto idrogeno sulla Terra che anche uno su 7.000 non è male.
Per esempio, un litro d'acqua contiene circa diecimila miliardi di miliardi di idrogeno 2, e se tutto questo deuterio venisse sottoposto a fusione produrrebbe tanta energia quanta 300 litri di benzina.
Ma per quanto l'idrogeno 2 presenti meno difficoltà dell'idrogeno 1 trattarlo non è del tutto facile. A ragionevoli densità sarebbero necessarie temperature di 400.000.000 gradi, cioè 25 volte la temperatura dell'interno del Sole dove anche il più intrattabile idrogeno 1 subisce la fusione. Però la densità all'interno del Sole è enorme.
Potremmo trovare un compromesso usando una miscela di idrogeno 2 e di idrogeno 3, affrontare le spese e le difficoltà della lavorazione dell'idrogeno 3, che sarebbero comunque inferiori a quelle necessarie per la lavorazione del solo tritio.
La temperatura di accensione per una miscela di metà idrogeno 2 e metà idrogeno 3 è solo di 45.000.000 gradi. È la più bassa temperatura d'accensione che si conosca per fusioni a reazione in cui siano coinvolti nuclei stabili. Sembra che la formula 2+3 sia la soluzione più facile per una fusione.
Dato che l'atomo di elio, prodotto della fusione dell'idrogeno, ha quattro particelle nel nucleo (elio 4), la fusione dell'idrogeno 2 e dell'idrogeno 3 ha una particella in più: 2+3 = 4+1. Questa particella è il neutrone.
Come ho detto prima l'idrogeno 3 si forma bombardando il litio con neutroni. Quindi, ammesso che si possa preparare l'idrogeno 3, usando neutroni di uranio fissionabile, una volta iniziata la reazione fusione 2+3, sarà essa stessa a fornire i neutroni per la formazione di altro idrogeno 3.
A questo punto ci serve un Tokamak con dentro una miscela 2+3 che sia sufficientemente densa e calda da accendersi.
Nel 1957 il fisico inglese J. D. Lawson ha calcolato che perché avvenga un'accensione, una volta raggiunta la temperatura adatta questa temperatura deve essere mantenuta per un certo periodo di tempo. Il tempo serve per essere certi che un numero sufficiente di nuclei collidano tra loro nei loro movimenti irregolari per produrre il calore sufficiente alla continuità della reazione. Naturalmente, più denso è il plasma, più collisioni si avranno in un dato periodo di tempo, e più breve sarà il periodo di confinamento necessario per l'accensione.
Per l'idrogeno alla densità in cui si trova in condizioni normali sulla Terra, la temperatura d'accensione deve essere mantenuta per soli quattro milionesimi di secondo. Anche le migliori apparecchiature magnetiche per confinare il plasma non possono mantenere l'idrogeno a quella densità nemmeno per quella durata di tempo. La densità deve essere quindi diminuita, e questo significa che il tempo durante il quale la temperatura deve essere mantenuta va aumentato di conseguenza.
I fisici sovietici e americani hanno spinto le combinazioni densità e temperatura-tempo a livelli sempre più alti, ma non hanno ancora raggiunto il punto di accensione. Dato che i campi magnetici continuano a essere rinforzati e progettati con sempre nuovi accorgimenti, sembra certo che entro pochi anni (è difficile predire esattamente quanti) il fuoco di fusione attecchirà.
Quasi per ironia, dopo venticinque anni di lavoro sul confinamento elettro-magnetico come sostituto del confinamento gravitazionale, pare che un nuovo concorrente in questo campo prenderà il sopravvento sul campo magnetico e si dimostrerà la soluzione migliore. Torniamo al confinamento inerziale con qualcosa che sostituisce la bomba atomica quale super-veloce acceleratore della temperatura.
Nel 1960 venne inventato il laser, un apparecchio con cui l'energia radiante, quale la luce visibile, può essere liberata in grandi quantità e concentrata in un raggio sottilissimo. L'uomo imparò, per la prima volta, come liberare energia a una rapidità simile a quella della bomba a fissione, ma su una scala talmente minima da poterla liberare senza pericolo. (I primi laser, per la verità, furono molto deboli, ma negli anni successivi all'invenzione divennero sempre più potenti e più versatili).
Supponiamo che il laser venga concentrato su una pallina grande quanto una capocchia di spillo fatta di idrogeno 2 e idrogeno 3 gelati. (Sarebbe una pallina oltremodo fredda perché queste sostanze gelano soltanto a una temperatura di -259 °, 14 gradi soltanto sopra lo zero assoluto.
Naturalmente il raggio laser farebbe evaporare la pallina in una infinitesimale frazione di secondo. Comunque, mentre il raggio laser continua a colpire il gas che evapora, il plasma che ne risulta viene portato a temperature ultra-alte in meno tempo di quanto impieghino i nuclei individuali ad allontanarsi l'uno dall'altro. Questo è un caso di confinamento inerziale, come quello prodotto dalla bomba a fissione, solo che avviene su piccola scala e in maniera controllabile. Dato che le molecole non hanno il tempo di allontanarsi fra loro, un'enorme pressione si forma all'interno della pallina che si comprime ad altissima densità, e l'accensione può avvenire.
Nel 1968 i sovietici usarono per primi questo riscaldamento-laser dell'idrogeno solido e arrivarono a scoprire le reazioni-fusione individuali fra i nuclei, ma non riuscirono a produrre una vera accensione. Da allora, sia gli Stati Uniti sia l'Unione Sovietica hanno aumentato enormemente gli investimenti su queste ricerche, e oggi le due nazioni spendono ciascuna qualcosa come 30 milioni di dollari all'anno.
Sono allo studio progetti per costruire laser migliori e più potenti e puntarli sulla pallina congelata da differenti posizioni.
Tanto per cominciare, l'idrogeno 2 e 3 hanno una densità circa mille volte superiore a quelle della normale forma gassosa. La compressione della parte centrale della pallina aumenta questa densità di diecimila volte. In simili condizioni, per raggiungere la temperatura necessaria a fare scaturire un flusso di energia fusione occorrono soltanto tre miliardesimi di secondo. Se altre palline vengono fatte cadere nella camera di scoppio una dopo l'altra, il flusso può essere continuo.
Naturalmente per arrivare all'accensione occorrono grandi quantità di energia. Sono necessari enormi raggi laser che consumano moltissima elettricità, per non parlare dell'energia necessaria a isolare l'idrogeno 2 dalle acque degli oceani, e quella per formare l'idrogeno 3 attraverso il bombardamento neutronico del litio... e poi per congelare l'idrogeno 2 e l'idrogeno 3.
Comunque questo investimento-energia è necessario solo all'inizio. Una volta accesa la fusione reazione, questa produrrà l'energia necessaria a mantenere in funzione il laser.
La scienza che studia questo problema è certa che il sistema funzioni, e magari entro pochi anni. A questo punto entrerà in funzione la parte tecnica, la costruzione delle apparecchiature pratiche che raccogliendo il calore della fusione lo convertono in energia utile.
Se si comincia col produrre quello che sarà soltanto un reattore a fusione della «prima generazione» con una miscela di idrogeno 2 e di idrogeno 3 accesi dall'azione del laser, la maggior parte dell'energia prodotta sarà in forma di neutroni molto attivi. Questi neutroni usciranno dal reattore a fusione in tutte le direzioni e colpiranno lo scudo di litio liquido.
I neutroni faranno reazione con il litio e produrranno l'idrogeno 3, che può essere isolato e rimesso nel reattore a fusione. Il litio, scaldatosi nel processo di assorbire e reagire al contatto dei neutroni, viene raffreddato con una circolazione d'acqua all'esterno del serbatoio. In questo processo l'acqua si scalda e si converte in vapore, e questo vapore può far girare una turbina e produrre elettricità nella maniera convenzionale.
I vantaggi sono enormi.
Anzitutto l'energia è senza fine perché il carburante (l'idrogeno 2 e il litio) esistono sulla Terra in quantità sufficienti da bastare all'umanità per un periodo indefinito. L'energia si può produrre dappertutto, perché il carburante esiste in ogni parte della Terra.
L'energia è sicura perché i soli prodotti pericolosi, i neutroni e l'idrogeno 3, se la reazione funziona con perfetta efficienza, vengono consumati. Quello che rimane è l'elio, che è assolutamente innocuo. Il pericolo, in caso di incidente, sarebbe simile a quello di una fissione nucleare.
Con i reattori a fusione di una «seconda generazione», i pericoli sarebbero ancora minori. I fisici pensano che le fusioni dell'idrogeno 2-idrogeno 3 potranno servire soltanto per 1'accensione di ulteriori fusioni. Si avrebbero palline fatte di boron 11 e di idrogeno 1, con idrogeno 2 e idrogeno 3 al centro. Sotto l'attivazione del laser il centro si accenderà creando energie capaci di provocare la fusione boron-idrogeno.
Il boron, fondendosi con l'idrogeno 1, si spaccherebbe in tre nuclei di elio 4 (11+1 = 4+4+4) e nient'altro. Niente neutroni, e niente particelle radioattive di qualsiasi natura.
Infine, non si possono verificare esplosioni. Nella fissione nucleare l'energia si può produrre soltanto se nel centro fissionabile sono presenti grandi quantità di uranio. La fusione, invece, lavora con piccole quantità di carburante. Se qualcosa va male può soltanto succedere che il processo si fermi.
Ma, attenti...
Primo, la fusione produrrebbe calore che altrimenti non esisterebbe sulla Terra. «Inquinamento termico», come bruciando carbone e petrolio. Questo calore in più, unito a quello che arriva dal Sole, non può venire espulso dalla Terra senza un leggero aumento della temperatura su tutto il pianeta. Se la disponibilità dell'energia da fusione ci incoraggia a usarla in modo incontrollato per aumentare la produzione di energia magari di mille volte, può capitare che in una decina d'anni le calotte polari si sciolgano. Questo porterebbe le zone costiere intensamente popolate dei continenti a trovarsi 60 metri sotto il livello del mare... e sott'acqua non si respira.
Poi, se la disponibilità dell'l'energia da fusione può incoraggiare l'umanità a false illusioni di sicurezza tanto da farla continuare a moltiplicarsi in modo incontrollato, la nostra civiltà tecnologica bilanciata in modo delicato può crollare per motivi diversi da quelli della mancanza di energia.
Infine, anche se noi iniziassimo una reazione a fusione domani, i problemi tecnici per costruire impianti di energia su vasta scala sarebbero enormi, e io credo che per costruirli ci vorrebbero almeno trent'anni, quando cioè la popolazione mondiale sarebbe (a meno di una catastrofe) di 7 miliardi.
Quindi ci aspettano almeno trent'anni in cui dovremo vivere in condizioni di scarsa energia e popolazione altissima. L'umanità deve pensare a salvarsi. Le probabilità sono contro di noi, ma dobbiamo tentare.

FINE